FAQ E GLOSSARIO


FAQ

Come posso prevenire il mal di gola?

Per evitare la comparsa di mal di gola, si può intervenire preventivamente adottando alcune precauzioni nello stile di vita e nelle condizioni dell’ambiente in cui si vive. Sarebbe opportuno, per esempio, mantenere un’adeguata umidità degli ambienti domestici o di lavoro, appendendo per esempio delle vaschette rifornite d’acqua ai termosifoni o utilizzando umidificatori elettrici e verificare che la temperatura non superi i 20° C. Si consiglia, inoltre, di non fumare o di non trattenersi in ambienti in cui si fumi, di non bere alcol e di ridurre il consumo di cibi speziati, che possono irritare le mucose della gola. È buona norma non condividere le posate e lavarle accuratamente, per evitare la trasmissione di virus o batteri. Un suggerimento pratico: portare sempre con sé un foulard o una sciarpa, per coprire e proteggere la gola in caso di vento o basse temperature.

Quando è opportuno rivolgersi al medico in caso di mal di gola?

Se il trattamento si sta protraendo senza risultati, se il mal di gola ricompare con una certa frequenza o si osservano cambiamenti – come comparsa di placche o gonfiore delle ghiandole del collo –, è necessario consultare il medico.

Come si utilizza OKi infiammazione e dolore® 0,16% spray per mucosa orale?

Il flacone è munito di un’apposita cannula, che può essere sollevata e introdotta nella bocca. A questo punto, è possibile orientare la cannula in direzione della zona interessata e, premendo l’erogatore, spruzzare 1-2 volte. L’operazione può essere ripetuta fino a 3 volte al giorno.

OKi infiammazione e dolore® 0,16% spray per mucosa orale contiene alcol?

OKi infiammazione e dolore® 0,16% spray per mucosa orale è privo di alcol etilico: pertanto, non brucia ed è più tollerabile.

Che cosa succede se, durante un gargarismo, deglutisco involontariamente una dose di OKi infiammazione e dolore® 1,6% collutorio?

La deglutizione involontaria non comporta alcun particolare danno, in quanto equivale alla dose prevista per via generale, cioè non locale.

Glossario

Cavo orofaringeo

Il cavo orofaringeo comprende i due terzi anteriori della lingua, le gengive, la superficie interna delle guance e delle labbra, la parte inferiore della bocca sotto la lingua, la parte superiore ossea della bocca e la zona oltre i denti del giudizio e la faringe. Esso fornisce l’accesso agli apparati digerente e respiratorio.

Dolore

Il dolore è un’esperienza sensoriale ed emozionale spiacevole causata da un danno tissutale, di cui è espressione.

Faringite

Il comune “mal di gola”, consiste in un’infiammazione della faringe causata da virus o batteri, che provoca difficoltà e dolore nella deglutizione e che può essere accompagnata da tosse, secrezione e, in alcuni casi, febbre.

Farmaci stomatologici

Sostanze usate a scopo terapeutico per contrastare le malattie del cavo orale e delle formazioni connesse.

Infezione

Condizione patologica causata dall’invasione e dalla moltiplicazione nell’organismo di batteri, virus, funghi o parassiti.

Gengivite

Infiammazione dei tessuti gengivali, caratterizzata da gonfiore, arrossamento, calore e sanguinamento conseguenti all’accumulo di placca. I batteri presenti nella placca sono i principali responsabili di tale condizione: per estensione, tutte le cause di formazione e accumulo di placca sono corresponsabili, soprattutto la scarsa igiene orale.

Ketoprofene sale di lisina

Il ketoprofene è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) analgesico e antireumatico, appartenente al gruppo dei derivati dell’acido propionico.
La lisina è un amminoacido con cui il ketoprofene viene fatto reagire, per formare un sale più stabile e facile da conservare a lungo: nell’ambiente acquoso del corpo, il sale si discioglie e il ketoprofene svolge la sua funzione.

Mucosa orale

La mucosa orale forma il tessuto di rivestimento della bocca. Esercita un’azione protettiva dalle infezioni e dai detriti, produce particolari secrezioni, come il muco e svolge una funzione di assorbimento parziale di alcune sostanze introdotte. Il tratto di assorbimento consente di applicare alcuni tipi di farmaci, affinché siano assorbiti direttamente attraverso la mucosa orale.

Stati irritativo-infiammatori

Condizioni responsabili della comparsa di infiammazione e accompagnate da arrossamento, rigonfiamento e dolore dell’area interessata.

Stomatite

Stato infiammatorio delle parti molli che compongono il cavo orale, quindi di gengive, interno delle guance, interno delle labbra, palato e lingua. La causa scatenante può essere batterica, virale o fungina, ma può essere accompagnata o aggravata da carie, gengivite, uso di alcuni farmaci, disfunzioni ormonali o metaboliche, compromissioni della flora batterica, carenza vitaminica, fumo, alcool, cibi piccanti e una scarsa igiene orale.
La principale manifestazione di stomatite è data dalle afte, piccole lesioni delle mucose.